Cosa fare se l'inquilino non paga l'affitto

Set 12 2017

Se l’inquilino inizia a non pagare l’affitto o inizia ad essere in ritardo con il pagamento del canone e degli oneri accessori (spese) conviene contattarlo subito per capire qual è il problema.

Eventualmente può essere scritta una raccomandata con ricevuta di ritorno con cui il proprietario sollecita il pagamento del dovuto, ma in ogni caso è sempre auspicabile fissare un incontro per affrontare di persona l’inquilino e cercare di comprendere quali sono le motivazioni del ritardo, cercando sempre di mantenere buoni rapporti con il conduttore, anche al fine di evitare spiacevoli ritorsioni.

Dopo di che, a seconda delle giustificazioni fornite dal conduttore, conviene dare un termine all’inquilino: o entro il termine convenuto viene corrisposta almeno una parte dell’importo dovuto (anche la corresponsione di una piccola somma, infatti, può essere indice di serietà e buona fede dell’inquilino in un momento di difficoltà economica) oppure, in mancanza, ci si rivolge immediatamente a un avvocato esperto in sfratti per l’avvio della procedura di sfratto per morosità.

Non ha senso aspettare: infatti, se un inquilino inizia a non pagare l'affitto, nonostante le promesse e la buona volontà, difficilmente tornerà a corrispondere interamente il canone mensile oltre agli arretrati maturati e, conseguentemente, il credito del proprietario continuerà ad aumentare in maniera esponenziale e, in men che non si dica, il proprietario avrà accumulato un credito di migliaia di euro. Prima si inizia la procedura di sfratto (purtroppo già di per sé non eccessivamente breve), prima l’immobile verrà liberato e potrà tornare a produrre reddito.

Non bisogna, infatti, dimenticare che il procedimento di sfratto potrà essere in ogni momento sospeso da parte del proprietario, così, nel caso in cui, a procedimento di sfratto già avviato, l’inquilino dovesse provvedere a pagare il dovuto, il proprietario può decidere di abbandonare o sospendere (a seconda della fase) la procedura.

Il consiglio è quindi di evitare di perdere tempo prezioso e di contattare immediatamente un avvocato esperto in sfratti per un esame della situazione e per dar corso all’avvio del procedimento di sfratto per morosità.

Se ti trovi in questa situazione contattaci senza impegno per un preventivo gratuito.

 

Letto 1215 volte
Vota questo articolo
(1 Vote)

Studio Legale Comelli e Crivellaro

Viale San Michele del Carso 13
20144 Milano

Telefono:
 02 49524655
 02 49524656

Cellulare:
 339 6191446

Per info:
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lo studio si trova in Viale San Michele del Carso 13, raggiungibile con la metropolitana MM1 fermata Conciliazione e con i seguenti mezzi di superficie: 16, 50, 58, 67, 10.

I parcheggi più vicini si trovano in Via Giovanni Cantoni e Via Giovanni Battista Soresina 14